fbpx

Il mese di Ottobre cruciale per i titoli statunitensi

Economy24 > Blog > News > Il mese di Ottobre cruciale per i titoli statunitensi

 

Stati Uniti e Cina alla ricerca di un accordo

 

Il mese di ottobre cruciale per i titoli statunitensi, grazie alla riapertura dei negoziati commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Il mese corrente è stato un periodo relativamente importante per la maggior parte delle azioni statunitensi nei settori chiave.

Il ciclo riguardo le tensioni commerciali dovrebbe iniziare durante la seconda settimana di novembre a Washington DC, perseguendo un potenziale accordo commerciale a seguito della buona volontà mostrata da entrambe le parti.

Sembra esserci una differenza di esigenze tra il mercato statunitense e quello asiatico, come ha osservato il socio amministratore di Harris Financial Group Jamie Cox, soprattutto in Asia, i titoli fremono riguardo il potenziale accordo.

“I mercati sono molto più interessati ad un accordo commerciale con la Cina. Ora che il Congresso è bloccato dall’impeachment, il presidente può concludere un accordo per rilanciare l’economia globale, giusto in tempo per le nuove elezioni”.

 

 

Goldman Sachs prevede grande volatilità al raggiungimento dell’accordo

Lo stratega dei derivati di Goldman Sachs, John Marshall, ha affermato che ottobre sarà un mese chiave per le azioni statunitensi e per il mercato azionario globale, confidando sugli ottimi rapporti sugli utili.

Tuttavia, il periodo deve essere accompagnato da progressi significativi nei colloqui commerciali, andrebbe bene anche un accordo parziale, a patto che le discussioni continuino a procedere verso la direzione indicata da Trump.

“Riteniamo che la volatilità prevista per ottobre non sia solo una coincidenza, motivato dal fatto che entriamo in un periodo critico per molti investitori ed aziende che dovranno gestire l’ultimo trimestre dell’anno.

Tali pressioni aumentano i volumi mentre gli investitori osservano i rapporti sugli utili. Il periodo di ottobre tende sempre ad essere il trimestre con i più alti volumi per le azioni statunitensi”.

Con l’interesse crescente dei mercati verso i negoziati commerciali, un accordo eliminerebbe la probabilità di un’inversione al ribasso, escludendo una recessione nei prossimi 12 mesi.

Il timore della recessione rimane l’unica variabile esistente

L’impatto dell’indagine sull’impeachment prevede che che la Federal Reserve si impegnerà di tagliare ulteriormente i tassi di interesse nel 2020.

Anche per questo, il mese di ottobre sarà cruciale per i titoli statunitensi.

L’unica variabile rimanente che bloccherebbe il mercato è stata innescata dal timore di recessione globale verso la disputa commerciale tra Stati Uniti e Cina.

E’ probabile che il risultato dei colloqui commerciali di ottobre influenzerà la posizione di investitori e strateghi nei confronti di una possibile recessione, e come tale, ottobre si preannuncia un mese critico per le azioni.

 

 

Iscriviti gratuitamente per rimanere sempre aggiornato

 

Continua a leggere le nostre notizie per imparare ad investire e per ottenere le informazioni utili per passare dalla teoria alla pratica.

Inizia subito a fare trading cliccando sulle immagini sotto

Ti potrebbero interessare anche

Telegram lancia la sua criptovaluta Gram
23 Ottobre 2019By
Nei prossimi sette mesi il prezzo del Bitcoin si moltiplicherà
22 Ottobre 2019By
Il prezzo del Bitcoin crolla sotto gli $8,000
17 Ottobre 2019By

Crypto info

Name Price24H (%)
Bitcoin (BTC)
€6,677.22
-6.78%
Ethereum (ETH)
€144.69
-3.53%
XRP (XRP)
€0.244483
-5.67%
Tether (USDT)
€0.90
0.04%
Bitcoin Cash (BCH)
€187.54
-4.73%
Litecoin (LTC)
€44.00
-6.60%
EOS (EOS)
€2.43
-5.97%
Binance Coin (BNB)
€14.93
-7.23%

  • USD
  • EUR
  • GPB
  • AUD
  • JPY
  • bitcoinBitcoin(BTC)
    $7,427.40-6.78%
  • ethereumEthereum(ETH)
    $160.95-3.53%
  • rippleXRP(XRP)
    $0.271951-5.67%
  • tetherTether(USDT)
    $1.000.04%
  • bitcoin-cashBitcoin Cash(BCH)
    $208.61-4.73%
  • litecoinLitecoin(LTC)
    $48.94-6.60%
  • eosEOS(EOS)
    $2.70-5.97%

Related Posts

Leave a Reply